Insetti da mangiare Novel Food

Insetti da mangiare Novel Food

 

Insetti da mangiare Novel Food, Oggi parliamo di qualcosa di diverso. Nel 2018 entrerà in vigore la normativa europea. Da questa data, infatti, si applicherà il nuovo regolamento UE sui Novel Food (sono alimenti o ingredienti nuovi)  e sarà possibile considerare gli insetti come nuovi alimenti e produrli e venderli anche nel nostro Paese. A renderlo noto è la Coldiretti. Quindi dimenticatevi i  classici piatti che siamo abituati normalmente. Dal primo gennaio 2018 potranno arrivare sulle nostre tavole anche gli insetti

 

Novel Food
Insetti da mangiare Novel Food

Da anni i ricercatori hanno lanciato un allarme che la produzione di proteine da fonti animali potrebbe non bastare, se dovesse essere l’unica fonte di nutrizione per i 9 miliardi di persone che abiteranno il pianeta nel 2050. Gli insetti sembrano una buona soluzione al problema. Già 2 miliardi di persone li consumano, gli insetti apporto una buona fonte di  proteine e la loro produzione risparmia acqua, energia e inquina di meno.

Di fatto gli insetti finiscono già nei nostri piatti, infatti i cibi che portiamo in tavola contengono anche frammenti di insetti, che finiscono lì durante i processi di lavorazione.
È difficile stimarne la quantità, ma i prodotti più a rischio sono le farine e i derivati, il cacao, il caffè e le marmellate.

Casu Marzu
Casu Marzu

Ora vediamo cosa succede in italia, dopo un intervista dove si parlava proprio di portare gli insetti sulle nostre tavole il 28% è interessato a mangiarli o perlomeno provare ad assaggiarli. Pensiamo che in Italia il primo ristorante di sushi è stato aperto negli anni Settanta. Ci sono voluti trenta anni perché diventasse comune. Con gli insetti visto i riscontri riportati potrebbe avvenire in minor tempo. In realtà anche in italia si portano in tavola gli insetti da moltissimi anni. Si tratta di un formaggio cremoso italiano prodotto in Sardegna il Casu Marzu, conosciuto anche con il nome Formaggio con i vermi.

Valutiamo i rischi alimentari, le conoscenze attuali sui possibili rischi legati al consumo di insetti non sono ancora sufficienti a garantire il consumatore. per ora quello che possiamo affermare che il consumo in altri Paesi non ha mai evidenziato particolari rischi. Per ora gli studi disponibili non evidenziano rischi diversi da quelli dei comuni prodotti alimentari.

 

Gli insetti commestibili:

Verme Agave:  queste larve sono messe in bottiglie di tequila come prova di autenticità e di gradazione alcolica. In Messico, sono anche consumati come parte di un pasto, e sono altamente nutrienti.

Formiche Honeypot: hanno addomi gonfi con una sostanza simile al nettare, che viene utilizzata per alimentare altre formiche, Un eccellente cibo.

Formiche tagliafoglie: ( formica di grande spessore ) sono consumate principalmente in Sud America. Si dice che ha un gusto come un incrocio tra pancetta e pistacchio, e di solito sono mangiati tostati.In Colombia sono venduti anche come popcorn.

Le formiche di limone: si trovano nella giungla amazzonica e si dice che il sapore è di limone.

Verme bambù: si mangia fritto.

Millepiedi: Molto spesso si trovano lungo la strada , si trovano principalmente negli Stati Uniti orientali. Hanno morbidi corpi e carne molto deliziosa

Scarafaggio: Si possono mangiare scarafaggi? Si, non quelli che si trovano intorno alla vostra casa. Gli scarafaggi possono effettivamente essere insetti molto puliti e gustosi, soprattutto se sono di allevamento, nutriti con frutta e verdura. Essi possono essere consumati tostati, fritti, saltati, o bolliti.

Grillo: mangiati fritti, saltati, bolliti e arrosto, questi sono tra gli insetti più comunemente consumati. Mangiato in Messico, Thailandia, Cambogia.

Libellula: consumata in Indonesia e in Cina. Può essere mangiata sia adulta che in forma larvale. In Indonesia, esse vengono catturate delle palme. Spesso si mangiano bollite o fritte.

Altri insetti commestibili:

Coleotteri: si possono mangiare al forno fritti, e sono piuttosto gustosi.

Larva di mosca: sembrano piccole bacche rosse, il sapore è cioccolato, con una punta di ferro.

Vespe:  la reggina degli insetti, appena raccolte vengono arrostite e si mangiano con una spruzzata di lime.

Cavalletta: in Messico, esse sono mangiate arrosto con varie spezie,sono ricche di proteine

Baco da seta: Hanno un sapore un po’ come i pomodori verdi, gamberi e granchi.

Coleottero femmina: può essere mangiato sia nella fase larvale e adulto. vengono arrostiti sulla brace e mangiati come popcorn.

Locusta: la locusta è uno dei pochi insetti condonato dalla Bibbia. Levitico 11:22: “Anche questi di loro possiate mangiare: la locusta secondo la loro specie, e la locusta calvo dopo la sua specie, e il grillo dopo la sua specie, e la cavalletta secondo la loro specie.”

Mopane verme: mangiato in Sud Africa, può arrivare ad un prezzo di mercato superiore a quello delle carni bovine. Quando essiccato, il sapore è di cereali.

Camole o tarma farina: usati con il cioccolato e per le decorazioni. Accompagnano i dolce con un retrogusto di noccioline.

 

il cioccolato
Insetti da mangiare Novel Food

 

Anche tanti chef stellati iniziano ad usare gli insetti nelle cucine con ottimi risultati, cosa ne pensate voi sarà questo il futuro? intanto io metto una ricetta semplice… voi fate i vostri commenti.

 

Preparazione risotto  scorpione zafferano:

350 gr di riso
5 grammi di scorpione
1 bustina di zafferano
1/2 bicchiere di brandy
1 carota
1,5 scalogno
1 gambo di sedano
1 spicchio d’aglio

100 gr di parmigiano grattugiato
1 filo di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di pepe 1 pizzico di sale

Preparare le verdure, pelate la carota e il sedano.

Tagliate lo scalogno a fettine e versatelo insieme all’olio e all’aglio schiacciato in un tegame. Lasciate rosolare il tutto a fiamma viva e unite gli scorpioni, attendete qualche minuto, mescolando di tanto in tanto, e sfumate con il brandy.Una volta evaporata tutta la parte alcolica unite la carota e il sedano quindi versate anche l’acqua.

Sciogliete lo zafferano in poca acqua calda, rosolate il restante scalogno in un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e poi unite il riso e cuocetelo nel modo tradizionale, unendo il brodo proteico insaporito allo scorpione man mano che viene assorbito.

Unite a metà cottura lo zafferano sciolto, pepate, salate e mantecate a fine cottura con abbondante parmigiano grattugiato.

 

seguitemi anche su facebook
Precedente Quinoa mare e monti